Salta al contenuto

Accadde Oggi a Catania: il 5 Luglio 1940 viene bombardato l’aeroporto

Nei giorni immediatamente successivi al 10 giugno 1940, data d’inizio del conflitto per l’Italia, cominciarono i raids. I primi attacchi aerei si ebbero su Torino, Napoli, Cagliari, Palermo e Catania, per opera dei bombardieri della RAF. 

In questa fase i bombardamenti erano di precisione ed erano effettuati su obiettivi logistico-militari: nodi ferroviari, porti e aeroporti. Va detto inoltre che, dai porti del Sud, in particolare da Napoli, partivano truppe e rifornimenti per l’Africa settentrionale e nordorientale, dove esisteva un altro fronte di guerra tra italiani e inglesi.

Il 5 luglio del 1940 venne bombardato anche l’aeroporto di Catania.

A conferma del suddetto bombardamento, a pag. 56 del Volume 8 di Dimensione Cielo, Ed.  Bizzarri, relativamente alle perdite di apparecchi della Regia Aeronautica, troviamo scritto:

“Data: 05-JUL-1940 

Tempo: 20:00 

Tipo: Savoia Marchetti SM75 

Operatore: Ala Littoria 

Registrazione: I-LISA 

C / n / msn: 32036 

Danni aereo: irreparabilmente danneggiato

Località: CATANIA FONTANAROSSA AIRPORT – Italia 

Narrative: distrutto a terra a seguito di un bombardamento della RAF”

Nel luglio del 1940 risultano diversi attacchi anche a depositi di benzina ed obiettivi vari siciliani, tra i quali il porto di Augusta, da parte di Swordfish del 830° squadrone della Fleet Air Arm di base ad Hal Far a Malta; questi 12 apparecchi erano l’unica forza d’attacco inglese presente in zona a quel tempo.

Altra testimonianza del bombardamento del 5 luglio su Catania la troviamo nel libro  “Inferno su Malta” di Malizia:

“…la notte del 5 luglio una formazione inglese, forse ancora degli swordfish fra i quali c’erano perfino dei Blackburn Skua (pare da nove a quattordici bombardieri) sbucarono sulla verticale del campo a una quota di 500 m soltanto, centrando in pieno i loro bersagli. …Su Catania quella notte uccisero venti uomini, mentre altri dieci rimasero feriti. Due Macchi 200 dell’88° squadriglia subirono danni gravissimi, un Sm75 (M.M.32036) della 601°squadriglia SAS venne distrutto mentre un S.79 (M.M.21834) della 214° squadriglia fu necessario farlo riparare SRAM…” 

Nel bombardamento su Catania del 5 luglio 1940 morì il Sergente Maggiore Pilota Guidorzi Regolo nato il 10 Febbraio 1916 e in forza al 34º Stormo – Bombardamento Terrestre

52º Gruppo, Savoia-Marchetti S.M.79  – 214ª Squadriglia Aerea.

In questi raid trovò la morte anche un pluridecorato aviatore inglese, Gartrell Richard Ian Parker.

(Fonte: http://www.ibiblio.org/hyperwar/UN/UK/UK-Med-I/UK-Med-I-8.html – http://books.google.it/books?id=3E0HRyibxhUC&pg=PT132&lpg=PT132&dq=swordfish+Catania+5+july+1940&source=bl&ots=fDwyl7E6Jt&sig=hbtWWKB99C3FABLNaPXD-Tutfb4&hl=it&sa=X&ei=ENWrUPzqN4retAbaw4DIBA&ved=0CDsQ6AEwBQ )


Sempre in tale funesta occasione morì anche l’Asso della Regia Aeronautica Franco Lucchini.

(Fonte: https://italianiinguerra.com › 5-l…5 luglio 1943 – nei cieli di Catania muore l’Asso della Regia Aeronautica Franco Lucchini … )

I bombardamenti nel Mezzogiorno, e quindi anche su Catania, ebbero un’ulteriore escalation nella seconda metà del 1941.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *