15 ottobre, Giornata del ricordo dei bimbi persi nell’attesa. – Dedica alle mamme nel cuore.

15 ottobre 2022 – Redazione

Ottobre è il mese della consapevolezza sulla morte infantile e sulla perdita in gravidanza, ed il 15 ottobre è il “BABYLOSS AWARENESS DAY” ovvero la giornata della commemorazione mondiale delle morti in utero, aborti e morti perinatali.

“Monumento ai bambini mai nati” (Bardejovska Nova Ves) di Martin Hudacký, giovane artista slovacco. – Per approfondimenti clicca QUI.

Le mamme che hanno perso un bimbo in gravidanza non dimenticano mai i loro bambini speciali…  Le mamme, come si legge in Quando l’attesa si interrompe, “custodiscono i loro bambini al sicuro, nel loro cuore, per sempre”.

Il 15 ottobre non serve quindi di certo alle mamme per ricordare… perché loro, come detto prima, non dimenticheranno mai… Serve piuttosto a tutto il resto della società…  che ancora troppo spesso chiama “mai nati i bambini nati morti… sbagliando, perchè quei bambini in realtà sono nati eccome!  Per tutte queste ragioni di questo tema bisogna parlarne e parlarne ancora…

A portare in Italia la “Giornata mondiale della consapevolezza sulla perdita perinatale e infantile“ è stata l’associazione CiaoLapo, che ha tradotto così l’International BabyLoss Awareness Day, come viene definito nel mondo.

LA BATTAGLIA DI CIAOLAPO DAL 2006

L’associazione CiaoLapo è nata nel 2006 ed è formata da genitori che hanno condiviso l’esperienza del lutto in gravidanza e dopo la nascita e da professionisti (medici, psicologi, ostetriche) uniti nella ricerca sulla morte perinatale e nel sostegno psicologico ai familiari in lutto. L’obiettivo che l’associazione si pone è fornire ai genitori in lutto un aiuto integrato (medico, psicologico e pratico) e un supporto psicologico qualificato per elaborare la perdita da cui sono stati colpiti. Ci sono diversi livelli di aiuto (dal consiglio su eventuali letture alla condivisione delle esperienze fino al ricorso a figure specializzate.

IL LUTTO PERINATALE E INFANTILE

La morte del bambino durante la gravidanza e nel periodo postnatale è un evento che riguarda oltre cinque milioni di famiglie ogni anno in tutto il mondo. In Italia questo evento riguarda una donna in gravidanza su sei; se consideriamo soltanto le perdite che avvengono a partire dalla seconda metà della gravidanza in poi, ogni giorno quindici donne escono a braccia vuote dai reparti maternità. Tanti altri bimbi muoiono entro un mese dal parto. Se si considera tutta la gravidanza, poi, questo numero sale vertiginosamente. L’incidenza di morte in utero, aborto spontaneo e morte perinatale in ogni paese del mondo è di gran lunga superiore a quanto comunemente si pensi (tre milioni di bambini ogni anno muoiono poco prima della nascita o durante il parto). Ogni giorno solo in Italia muoiono nove bambini “praticamente già nati”, come spesso si definiscono i bimbi a termine di gravidanza, e il lutto che accompagna queste  perdite non è lieve, nè trascurabile.

L’ASSISTENZA (CHE MANCA) IN OSPEDALE

Una maggior consapevolezza della gestione del lutto perinatale serve anche per ‘correggere’ tante storture: ci sono infatti sono molte situazioni e parole sbagliate che una coppia può incontrare quando perde il proprio bambino. A partire dall’ospedale, dove spesso medici e ostetriche non sono formati ad affrontare questi eventi drammatici, non hanno il giusto tatto nè l’opportuna attenzione a gestire queste situazioni. Non sempre alla donna viene fornito il sostegno psicologico che questa situazione richiederebbe e non sempre viene trattato il bambino nato morto o partorito in seguito ad un aborto come un vero bambino nato, una ‘persona’ che c’era e ora non c’è più, che è stata appena stata persa. Ne consegue che a questo momento non viene data la solennità che merita, cosa che aiuterebbe molto la mamma e il papà nella successiva elaborazione.

“NE FARETE UN ALTRO” E LE ALTRE FRASI SBAGLIATE

Altro tema dolente sono i commenti o le frasi pessime che spesso amici e conoscenti pronunuciano senza rendersi conto di dire cose molto sbagliate. “Per fortuna hai già un altro figlio“. “Non ti preoccupare, ne farete un altro”. “Meglio perderlo ora che dopo”. Tutte cose che non vanno dette, che possono solo peggiorare l’equilibrio di una donna che ha appena perso un figlio.

IL GIUSTO TEMPO E IL SUPPORTO

Per elaborare un lutto di questo tipo serve molto tempo, e spesso è necessario un supporto psicologico. Il dolore di aver perso un figlio che doveva arrivare o che è morto appena nato non si alleggerisce per la presenza di fratelli maggiori e non diminuisce mettendosi subito alla ricerca di una nuova gravidanza.

CiaoLapo da anni è impegnato nel costruire una rete di sostegno e di formazione continua, così da aiutare sempre più operatori sanitari a acquisire le giuste competenze per sostenere e sostenersi. Il lutto perinatale riguarda tutti e colpisce tutti: famiglie in lutto, operatori sanitari, familiari, datori di lavoro, colleghi.

GLI EVENTI DI QUEST’ANNO

Quest’anno CiaoLapo (che per tutto il mese di ottobre ha pensato incontri ed eventi sul tema) per la giornata del 15 ottobre ha organizzato un convegno nazionale dal titolo “Trauma Lutto e Resilienza”: è aperto a tutti e gratuito, si può vedere in diretta sulla pagina Facebook di CiaoLapo, sul profilo Twitter e sul canale Youtube.

Un’altra iniziativa, che avverrà sabato 15 e domenica 16, è l’illuminazione di rosa e azzurro dei monumenti nei Comuni che hanno aderito all’iniziativa #laconoscenzacheprotegge per migliorare la consapevolezza sul lutto perinatale, sulle morti evitabili e per promuovere l’assistenza rispettosa in tutti gli ospedali.

Punti nascita illuminati di rosa ed azzurro in diversi ospedali

 

L’ONDA DI LUCE 2022

Ancora, il 15 ottobre ci sarà un reading di poesia dal laboratorio di Found Poetry #comunquemadri e infine, alle 19, torna la consueta Onda di luce. Con centinaia di candele accese in tutto il mondo, il 15 ottobre alle 19, per sentirsi idealmente uniti e far sì che nessuna madre o famiglia si senta sola di fronte alla morte di un bambino. L’Onda di Luce è un concetto creativo nato da un’idea delle associazioni inglesi: se in tutto il mondo ogni partecipante accende una candela alle19 locali e la mantiene accesa per un’ora, per tutta la giornata del 15 ottobre un’onda di luce attraverserà il globo, illuminando progressivamente tutto il pianeta, un fuso orario dopo l’altro. Si tratta di un modo simbolico per sentirsi idealmente uniti con migliaia di altre persone, accomunate da un lutto che invece abitualmente isola: la morte di un bambino. Tutte le informazioni sulle iniziative in programma anche per tutto il mese di ottobre si possono trovare sulla pagina dedicata al Babyloss del sito di CiaoLapo. (Fonte: Agenzia DIRE – www.dire.it )

Dedica alle mamme nel cuore

“Il mio pensiero va a te, mamma nel cuore.

A te che la società ha spesso istillato il dubbio che tu mamma non lo sia.

A te che avevi tutto, e di colpo sei diventata niente.

A te che “Ma tu non puoi capire perché mamma non lo sei!” e ti senti lacerare il cuore.

A te che vieni lasciata nell’indifferenza e il cui dolore viene sottostimato, ed invece hai subìto un lutto a tutti gli effetti.

A te che non accenderai alcuna candela, perché quel dolore brucia ancora troppo forte e l’idea di vederlo materializzato ti fa troppa paura, e lo vuoi tenere per te, solo per te.

A te che nel tremolio di quella fiamma ci vedrai il soffio del tuo bambino, che chiuderai gli occhi e lo accarezzerai con una lacrima, come fai spesso, chiedendogli di starti sempre sempre accanto.

A te che il tuo bambino lo senti, e lo cerchi in ogni dettaglio del tuo quotidiano, che vedi un sassolino a forma di cuore e sogni che possa essere lui che vuole farti sentire che è lì di fianco, che ne immagini i tratti del viso, che hai trovato un modo tutto tuo per festeggiare un giorno a lui dedicato che non corrisponde molto spesso alla data di nascita.

A te, mamma DI cuore, mando il mio abbraccio più forte.”

Loredana

(da ChizzoCute.it)

 

 

Condividi:
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *