Aba Catania unica Accademia statale al Milano Graphic Festival

24 marzo 2022 – Redazione

Inserita tra i venti istituti d’eccellenza italiani per il design della comunicazione visiva nell’importante appuntamento, con ospiti anche internazionali, che propone mostre, workshop, e installazioni. La presidente Scalisi: “riconoscimento prestigioso”. Il direttore Latino terrà una conferenza sul mestiere di grafico. Il ricordo di Albe Steiner.

“Un riconoscimento prestigioso per la nostra Accademia per la sua Scuola di Design della comunicazione visiva che rimarca l’alta qualità di una offerta formativa e di una docenza instancabile nell’attenzione alla crescita e allo sviluppo culturale nazionale cui contribuisce in maniera sensibile”.

Così la presidente di Aba Catania, Lina Scalisi, ha commentato la notizia che l’Istituzione è stata inserita tra i venti partecipanti del Milano Graphic Festival 2022, che dal 25 al 27 marzo offrirà mostre, workshop, e installazioni, con ospitianche internazionali.

Nel corso dell’appuntamento promosso da Signs e h+ e a cura di Francesco Dondina e Franco Achilli, si parlerà inoltre di formazione e nascerà – presente la ministro dell’Università e della Ricerca Maria Cristina Messa – il primo tavolo di confronto tra le realtà più rappresentative e attive del comparto del Design per la Comunicazione visiva.

“Va sottolineato – ha detto il direttore di Aba Catania Gianni Latino – che la nostra è stata l’unica accademia statale italiana a essere stata selezionata. E questo anche grazie al lavoro svolto sul territorio come per Grafica Unita, mostra diffusa organizzata nel marzo del 2021, in piena pandemia, dedicata al centosessantesimo anniversario dell’Unità d’Italia: nelle vetrine della via Etnea furono esposti ventiquattro poster dei nostri studenti”.

L’edizione 2022 del Milano Graphic Festival esprime la volontà di evidenziare come, dell’ultimo secolo, la Grafica abbia dato un contributo sensibile ai grandi passaggi storici e culturali e influenzato quelli sociali e politici, ma che la considerazione che formazione dei progettisti è spesso orientata a seguire tradizioni culturali di aree locali o aggregazioni di “esperti” omogenei tra loro. Senza contare che il “mercato della formazione”, vede sì istituzioni pubbliche e private proporre piani di studio differenziati, ma che questi a volte hanno un occhio eccessivamente sensibile al traguardo delle iscrizioni ai corsi.

CamuffoLab Quando la città cambia tu guarda i suoi colori Certosa District Milano_ ph Silvia Galliani

Per aprire un dibattito su questi argomenti, nel corso del Milano Graphic Festival si svolgeranno venti conferenze tenute da voci autorevoli della Comunicazione visiva italiana. Compresa quella di Gianni Latino, che parlerà sul mestiere di grafico tra contenuto e contenitore.

Con la volontà di “estrarre nuove ispirazioni dall’eredità del suo impegno civile e didattico”, nel corso del Milano Graphic Festival 2022 sarà ricordata inoltre la figura del “maestro” Albe Steiner, grafico, partigiano e docente italiano scomparso nel 1974, che fu convinto sostenitore della necessità di una relazione tra progettazione e impegno politico e sociale.

LINKS utili:

Condividi:
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.