Alla scoperta dei Comuni dell’hinterland catanese: Tremestieri Etneo

Tremestieri Etneo (Trimmisteri in siciliano) è un piccolo comune di circa 20 000 abitanti, appartenente alla città metropolitana di Catania.

Chiesa Madre di Tremestieri Etneo

L’attuale territorio di Tremestieri Etneo, per le sue favorevoli condizioni ambientali e la centralità della sua posizione geografica, posta tra l’Etna e la città di Catania, è stato sede di nuclei abitati sin da tempi remoti. Di tale evenienza restano solo sparute tracce essendo state le altre, nella maggior parte, cancellate dai numerosi e ricorrenti eventi calamitosi, soprattutto di natura vulcanica e tellurica, che si sono abbattuti in ogni tempo sul territorio.

Confermano tale tesi i pochi ma significativi reperti archeologici, casualmente rinvenuti nel territorio, costituiti da spezzoni di sepolcri di terracotta, lucerne, vasellame, monete e piccoli utensili in metallo o in pietra, riferentisi, per lo più, al periodo romano e bizantino e, più raramente, a quello ellenistico.

Le prime citazioni scritte del toponimo “Tria Monasteria” si trovano in scritture pubbliche risalenti al periodo della dominazione normanna in Sicilia; la più antica è contenuta nel testo di un diploma del 1198, custodito nella biblioteca dei Benedettini di Catania.

Frequenti sono stati i terremoti e le lave che sin dalla preistoria hanno sconvolto e distrutto il territorio e l’abitato di Tremestieri. Per la violenza e gli ingenti danni provocati si ricordano le lave del 122 a.C., del 1381 e del 1444 ed i terremoti del 1169, del 1693 e del 1818.

Nonostante le frequenti e ripetute calamità dovute alle eruzioni, ai terremoti, alle micidiali epidemie ed alle ricorrenti avversità atmosferiche, alle quali seguivano spesso lunghi periodi di carestia, la piccola comunità di Tremestieri è sempre riuscita a risorgere ed a proliferare grazie alla indomita volontà di rinascita e allo spirito di attaccamento ai luoghi dei suoi abitanti perennemente corroborati da una radicata e profonda fede religiosa.

La crescita e l’importanza assunta dalla comunità tremestierese è indirettamente comprovata dalla bolla papale, emanata nel 1446 da papa Eugenio IV, con la quale la chiesa ” de tribus monasteriis”, che da tempo accoglieva anche i fedeli delle contrade circonvicine, fu elevata alla dignità parrocchiale.

Nei primi anni del XVII secolo l’abitato di Tremestieri contava una popolazione di oltre 1.200 persone e aveva ben sette chiese.

Nel 1641 il casale di Tremestieri, essendo stato venduto al ricco mercante genovese Giovanni Andrea Massa, venne staccato dalla giurisdizione demaniale di Catania a cui apparteneva sin dal periodo aragonese ed acquistò una propria autonomia amministrativa seppure alquanto condizionata da un anacronistico sistema di governo di tipo feudale.

Nel 1817, per effetto della riforma amministrativa introdotta in Sicilia dalla restaurata monarchia borbonica, fu abolito il sistema feudale e Tremestieri divenne Comune.

Le prime amministrazioni comunali, superando non poche difficoltà, soprattutto di ordine finanziario, riuscirono a realizzare un modesto programma di opere pubbliche volto, tra l’altro, a migliorare i collegamenti con i paesi confinanti ed alla costruzione del cimitero.

Nel 1874 al toponimo Tremestieri, la cui etimologia sembra derivare dalla corruzione del latino “Tria Monasteria”, venne aggiunto l’aggettivo “Etneo” per distinguerlo da una omonima località nei pressi della città di Messina.

A partire dagli anni sessanta Tremestieri, (prima nella frazione Canalicchio, un’isola amministrativa posta a ridosso di Catania, e poi nel capoluogo e nella frazione Piano, distanti 9 chilometri circa dalla città), ha registrato un eccezionale sviluppo edilizio con conseguente aumento della popolazione da duemila abitanti degli anni cinquanta agli oltre 22.000 attuali.

Il fenomeno è stato determinato dalla concomitanza di una serie di fattori socio economici, quali la espansione urbanistica della città di Catania e la crisi del settore agricolo che ha fatto definitivamente tracollare la tradizionale economia del paese basata originariamente sulla viticoltura ed olivicoltura e, negli ultimi anni, sulla agrumicoltura.

Le due frazioni più importanti di Tremestieri Etneo sono Canalicchio (isola amministrativa) e Piano.

Fontana di Largo Nizzeti a Canalicchio

Architettonicamente degne di nota sono le sue Chiese, dalla Chiesa Madre, alla Chiesa SS. Maria delle Grazie, dalla Chiesa dell’Immacolata, di S. Antonio di Padova e da alcune ville padronali risalenti al XIX secolo disseminate lungo la via Etnea.

Chiesa Madre di Tremestieri Etneo

Interessanti da visitare sono i superstiti palmenti di cui era ricca la zona per la sua antica produzione vitivinicola.

Villa comunale di Tremestieri Etneo

Tra le manifestazioni di rilievo sono da segnalare: la festa patronale in onore della Madonna della Pace, che ha luogo la prima domenica dopo Pasqua, e quella della compatrona S.Barbara che si celebra il 4 di dicembre.

Statua della Madonna della Pace – Tremestieri Etneo

Durante la Sagra dell’Iris e dell’Artigianato è possibile anche visitare il tradizionale “Mercatino dei morti”, esposizione fieristica di prodotti degli artigiani locali, carica di colori e ricca di ogni leccornie del periodo di festa e di oggetti per i più piccoli.

Manifesto Sagra dell’Iris e dell’Arancino Edizione 2019
Sagra dell’Iris – particolare del dolce tipico

La produzione tipica locale consiste principalmente nei prodotti dell’agricoltura quali agrumi, olive e uva da mosto ed artigianali costituiti da ricami e prodotti in pietra lavica.

Ogni sabato, dalle 9.00 alle 14.00, in via Carnazza, a Canalicchio, si svolge il Mercato di Campagna Amica di Tremestieri Etneo.
Una decina di stand ospitano i produttori che propongono direttamente i prodotti agricoli da loro coltivati”. L’iniziativa vuole essere un incentivo alla sana alimentazione e un modo per valorizzare le attività produttive del territorio con prodotti genuini.

Mercato Campagna Amica di Tremestieri Etneo

In questi ultimi anni il Comune di Tremestieri, anche grazie alla oculata amministrazione del Sindaco Santi Rando, ha conosciuto un notevole sviluppo economico e sociale.

Giugno 2019l – Inaugurazione della Casa dell’acqua e del Parco giochi nella villetta comunale padre Consoli A Tremestieri Etneo
Condividi: