Salta al contenuto

Assegnati i premi della 1^ edizione del Premio dedicato al “Barone Antonio Mendola” di Favara.

Assegnati ai vincitori i premi del concorso artistico dedicato al personaggio favarese Barone Antonio Mendola e spediti direttamente nelle loro residenze causa covid 19.                       
Artisti, poeti e scrittori, tutti insieme con entusiasmo, nonostante il momento di preoccupante precarietà che stiamo vivendo, lanciano un messaggio di speranza per il futuro.

Il Barone Antonio Mendola Di Favara

L’ iniziativa è stata ideata ed organizzata dall’ASP “Nuvola Bianca”, dichiara il presidente Alberto Crapanzano,  con il patrocinio di wikipoesia l’enciclopedia poetica e si prefigge di ricordare la figura Barone Antonio Mendola conterraneo del secolo scorso che si distinse per le sue spiccate qualità di politico, letterato, scrittore, filantropo, ampelografo, agronomo e viticoltore, il quale ha  vissuto nel periodo di fine ottocento e primi del novecento.
Ma non solo…,  tra gli obiettivi del Premio, oltre a quello di contribuire a tener vivo l’amore per la poesia, la pittura, il teatro, l’arte, vi è anche l’intento di promuovere e valorizzare i prodotti e le bellezze del nostro territorio. Un caloroso grazie va a tutti gli artisti che hanno aderito da ogni parte d’Italia e alla giuria. Impossibilitati ad organizzare una cerimonia di premiazione in presenza a causa della pandemia mondiale in corso, agli autori vincitori sono stati spediti i seguenti premi: diplomi, pergamene, stampe di opere di artisti siciliani e prodotti tipici locali offerti dalla Casa Vinicola Morreale di Favara e dall’Azienda Agricola Caramazza Aromi di Sicilia di Aragona.

Dopo aver valutato attentamente tutte le opere pervenute alla 1^ edizione del Premio Internazionale “Barone Antonio Mendola” di Favara la giuria composta da Sandra Vezzani Filosofa, Poetessa e Scrittrice di Faenza, Alessandro Villa Poeta, Docente, Critico Letterario di Carate Brianza, Serena Manzone Poetessa di Porto Empedocle, Claudio Bentivegna Poeta, Scrittore di Sorrento e presieduta da Gabriella Caramazza Psicologa e Docente di Favara, ha stabilito di assegnare i premi rendendo noti i nomi dei vincitori.

Sez. A) Poesia inedita a tema libero autori di età compresa tra i 12 e i 18 anni.
 Premio – Diverso è di Federico Giuliana – Novara;

Sez. B) Poesia inedita a tema libero oltre i 18 anni di età.

 Premio – Respiro di Monica Macellari – Pieve Emanuele (MI);

 Premio – Vorrei di Sergio Belvisi – Busto Arsizio (VA);

 Premio ex aequo – E tu luna di Concetta Emmanuele – Paternò (CT);

 Premio ex aequo – Io amo di Ermenegilda Plicato – Novara;

Riconoscimento di merito – La valle ricamata di Gabriella Vicari – Santa Margherita Belice (AG); Desiderio di Salvatore Gazzara – Messina; Un altro Eden di Giuseppe Macauda – Modica (RG); Pablito di Gianni Terminiello – Massa Lubrense (NA); Oltre la vita di Pierangela Fleri – Messina; Domenica caffè concerto di Alfonso Nicola Pannullo – Triggiano (BA); L’uomo e la vita di Giovanni Stagno – Pianella (PE); Io esisto di Salvatore Pantalena– Aragona (AG); La terra bolsa di Fadi Nasr – Milano; Io e mio figlio di Giuseppe Cuschera – Roma;

Sez. C) Foto-Poesia a tema Natura e Ambiente.

 Premio – Giallo mimosa di Gioacchino Di Giovanni – Bagheria (PA);

 Premio ex aequo – Punto di non ritorno di Grazia Dottore – Messina; Indomita quercia di Giovanni Macrì – Barcellona Pozzo di Gotto (ME);

 Premio – Primavera di Ermenegilda Plicato – Novara;

Sez. D) Monologo teatrale a tema sociale

 Premio – Tra le onde e il vento (parole mai pronunciate) di Marisa Attanasio – Portici (NA);

 Premio – I sogni non s’inseguono volando di Chiara Rossi – Santa Margherita Ligure (GE);

 Premio – Diverse Noi di Monica Macellari – Pieve Emanuele (MI);

Riconoscimento di merito – Alfio Caruso di Giovanni Pulci – Sommatino (CL);

Sez. E) Pittura figurativa

 Premio – Ricordi della miniera di zolfo di Giovanni Guglielmo – Messina;

 Premio – Sempre più in alto di Isabella Cunsolo – Catania;

 Premio – Leggerezza di Dora Gatta – Nola (NA);

Fuori sezione – Romanzo

Riconoscimento di merito – La magia di Gerusalemme di Patrizia Russello – Favara (AG);

Tutte le opere artistiche hanno affrontato argomenti di interesse sociale come il lavoro, l’immigrazione, l’autismo, l’ambiente, la famiglia arcobaleno o di denuncia sociale come il blue whalechallenge, l’inquinamento ambientale; sono stati fonte di ispirazione artistica anche sentimenti e valori comuni come l’amore, la libertà, la speranza, la spiritualità.

Infine sono stati assegnati anche Premi Speciali della Giuria a personalità che si sono distinte in maniera particolare nel loro impegno esistenziale: 

Alla Presidentessa del Comitato per gli Immigrati e contro ogni forma di discriminazione, Profuga di guerra dal 1998, Macedone erisiedente a Bogliasco (GE) Aleksandra Matikj, per la sua sensibilità che la distingue nelle sue lotte civili sempre a favore dei più deboli caratterizzata da un’empatica propensione verso il prossimo che si traduce in un’attiva partecipazione alla risoluzione di problemi, difficoltà o necessità altrui.

Aleksandra Matikj

Alla Regista, Scrittrice e Produttrice ed Antropologa italo-australiana, plurilaureata (Master in antropologia e Laurea un Criminologia), di Sydney, appassionata di diritti umani e di ecologia Lisa Celeste Camillo, per la determinazione che la distingue alla difesa imperterrita dei territori contro l’inquinamento radioattivo e l’omertà delle istituzioni con il suo libro “Una ferita italiana” e il suo film “Balentes”.

Lisa Celeste Camillo

Al Procuratore della Repubblica di Catanzaro Dott. Nicola Gratteri, per il coraggio che lo distingue per aver messo come priorità nella sua vita la lotta alla corruzione, alle mafie e la ricerca della verità, della legalità e della giustizia.

Nicola Gratteri

All’Europarlamentare di Taranto Prof.ssa Rosa D’Amato, per l’impegno che la distingue nelle sue battaglie alla difesa dell’ambiente e dei cittadini nel Parlamento Europeo.

Rosa D’Amato

Si conclude dunque con soddisfazione la 1^ edizione del Premio dedicato al “Barone Antonio Mendola” di Favara, che è stato un momento di crescita sociale e relazionale tra tutti coloro che ne sono stati protagonisti attivi ed anche una presa di coscienza che la poesia e l’arte possono dare quel messaggio di speranza necessario in un’atmosfera poco felice e di preoccupante precarietà come quella che stiamo vivendo; si conclude anche con l’augurio di poter stringere la mano a tutti i  partecipanti della futura prossima edizione.

(Comunicato inviatoci da Alberto Crapanzano, Presidente APS Nuvola Bianca di Favara)

Alberto Crapanzano,

Commenti

  1. Giuseppe Cuschera Giuseppe Cuschera

    Ci vuole forza e determinazione, costanza, energia e desiderio di civiltà sotto ogni aspetto sociale per tirare avanti il carretto delle arti, contenente ogni espressione culturale atta a creare fiducia e speranza in un contesto di vita vissuta annaspando nel malessere di mille difficoltà perché posti su un pericoloso piano inclinato, diretto a modificare economicamente le persone, la società e l’ambiente.
    Ma, come si dice sovente, l’arte è la luce che salverà il mondo.
    Buon lavoro.
    Giuseppe Cuschera.

  2. Giuseppe Cuschera Giuseppe Cuschera

    Ci vuole forza e determinazione, costanza, energia e desiderio di civiltà sotto ogni aspetto sociale per tirare avanti il carretto delle arti, contenente ogni espressione culturale atta a creare fiducia e speranza in un contesto di vita vissuta annaspando nel malessere di mille difficoltà perché posti su un pericoloso piano inclinato, diretto a modificare economicamente le persone, la società e l’ambiente.
    Ma, come si dice sovente, l’arte è la luce che salverà il mondo.
    Buon lavoro.
    Giuseppe Cuschera.

I commenti sono chiusi