Casi di cancro ovarico ai massimi storici. I documenti Pfizer hanno rivelano che il vaccino Covid-19 si accumula nelle ovaie. Un caso?

11 Marzo 2022 – Redazione Co.Te.Li – Fonte: EventiAvversi

La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti è stata costretta da un ordine del tribunale a pubblicare tutti i documenti riservati inviati loro da Pfizer in merito all’approvazione dell’uso di emergenza dell’iniezione di Covid-19 di Pfizer. 10.000 nuove pagine sono state pubblicate il 1 ° marzo e uno dei documenti contenuti conferma che il vaccino Pfizer Covid-19 si accumula nelle ovaie nel tempo.

Quali sono le conseguenze?

I dati ufficiali del Regno Unito mostrano che i casi di cancro ovarico nel 2021 sono stati ai massimi storici e il regolatore della medicina del Regno Unito ha ricevuto oltre 40.000 segnalazioni relative a disturbi riproduttivi e mestruali sospettati come reazioni avverse alle iniezioni di Covid-19 nel solo 2021.

Lo studio, che può essere trovato nella lunga lista di documenti riservati Pfizer che la FDA è stata costretta a pubblicare tramite un ordine del tribunale qui, è stato condotto su ratti Wistar Han, 21 dei quali erano femmine e 21 maschi.

Ogni ratto ha ricevuto una singola dose intramuscolare dell’iniezione di Pfizer Covid-19 e quindi il contenuto e la concentrazione della radioattività totale nel sangue, nel plasma e nei tessuti sono stati determinati in punti predefiniti dopo la somministrazione.

In altre parole, gli scienziati che hanno condotto lo studio hanno misurato quanta parte dell’iniezione di Covid-19 si è diffusa ad altre parti del corpo come pelle, fegato, milza, cuore ecc.

Uno dei risultati più preoccupanti dello studio è il fatto che l’iniezione di Pfizer si accumula nelle ovaie nel tempo.

Un ‘ovaio’ è uno di una coppia di ghiandole femminili in cui si formano gli ovuli e gli ormoni femminili .

Nei primi 15 minuti successivi all’iniezione del vaccino Pfizer, i ricercatori hanno scoperto che la concentrazione lipidica totale nelle ovaie misurava 0,104 ml. Questo è poi aumentato a 1,34 ml dopo 1 ora, 2,34 ml dopo 4 ore e quindi 12,3 ml dopo 48 ore.

Gli scienziati, tuttavia, non hanno condotto ulteriori ricerche sull’accumulo dopo un le 48 ore, quindi semplicemente non sappiamo sel’accumulo sia continuato.

Ma i dati ufficiali del Regno Unito pubblicati da Public Health Scotland offrono alcuni indizi preoccupanti sulle conseguenze di tale accumulo sulle ovaie.

Public Health Scotland (PHS) ha un database completo sugli impatti più ampi di Covid-19 sul sistema sanitario, che trovate qui, e include un’intera gamma di dati dalle statistiche sulla salute mentale alle gravidanze, ai dati sui disturbi cardiovascolari e al cancro.

Dati disponibili per tutti i tipi di tumori mostrano che il conteggio totale degli individui affetti da cancro nel 2021 era in linea con la media 2017-2019, ma superiore ai numeri registrati nel 2020.

Sfortunatamente i dati hanno un enorme ritardo e a partire da marzo 2022 coprono solo fino a giugno 2021.

Tuttavia, i dati per il numero di individui affetti da cancro ovarico mostrano che la tendenza nota nel 2021 è stata significativamente superiore al 2020 e alla media 2017-2019.

Oltre a questo abbiamo anche ulteriori dati ufficiali dal Regno Unito che mostrano che quasi 40.000 incidenti di cambiamenti ciclo mestruale e sanguinamento vaginale inaspettato erano stati segnalati allo schema MHRA Yellow Card come reazioni avverse a tutte le iniezioni di Covid-19 disponibili a partire da novembre 2021.

Fino al 17 novembre 21, il regolatore dei farmaci del Regno Unito, l’MHRA, aveva ricevuto 1.724 segnalazioni di disturbi mestruali, 3.034 irregolarità mestruali, 5.068 segnalazioni di sanguinamento mestruale pesante, tra migliaia di altri disturbi riproduttivi, come sospette reazioni avverse al vaccino Pfizer Covid-19.

Nel settembre 2021, la dottoressa Victoria Male, docente di immunologia riproduttiva per l‘Imperial College di Londra, ha pubblicato un articolo sul British Medical Journal in cui afferma che un legame tra i cambiamenti mestruali e la vaccinazione Covid-19 è perfettamente plausibile e dovrebbe essere indagato.

La dottoressa Victoria Male conclude nel suo articolo che “Una lezione importante è che gli effetti degli interventi medici sulle mestruazioni dovrebbero essere indagati nella ricerca futura.

“Le informazioni sui cicli mestruali e sanguinamenti vaginali dovrebbero essere attivamente approfondite nei futuri studi clinici, compresi gli studi sui vaccini covid-19”.

Ma forse più interessante dell’articolo stesso, sono alcune delle risposte che sono state ricevute.

Naturalmente è impossibile dimostrare definitivamente che le iniezioni di Covid-19 siano responsabili di un aumento del cancro ovarico.

Ma con:

  • Documenti riservati pfizer che dimostrano che il vaccino Covid-19 si accumula nelle ovaie nel tempo,
  • e oltre 40.000 disturbi mestruali segnalati come reazioni avverse alle iniezioni di Covid-19,

È abbastanza chiaro che le iniezioni di Covid-19 interferiscano con il sistema riproduttivo e ulteriori studi e indagini dovrebbero essere effettuati con effetto immediato.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

[Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia  Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di professionisti (insegnanti, economisti, medici, avvocati, ecc.) formatosi con l’unico intento di collaborare per la difesa della libertà di espressione (art. 21 della Costituzione Italiana e art. 11 della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea) e per la ricerca e condivisione della verità sui principali argomenti e fatti di rilevanza sia locale che globale]

Puoi leggere anche su www.Mercurius5.it ⤵️

CASI DI CANCRO OVARICO AI MASSIMI STORICI. I DOCUMENTI PFITZER HANNO RIVELATO CHE IL VACCINO COVID-19 SI ACCUMULA NELLE OVAIE. UN CASO?👇👇👇👇👇

 

Condividi: