Facebook accusato di collusione con Big Pharma

14 marzo 2022 – Redazione

Come affermato in un precedente articolo di GuruHiTech.com, – (e come anche da noi trattato QUI) – il gigante dei social media Facebook ha condotto una campagna in collusione con le istituzioni che promuovono i vaccini contro il Covid-19.

Un articolo ha nominato la piattaforma fondata da Mark Zuckerberg come parte dell’Alliance for Advancing Health Online (AAHO). Definita come una “iniziativa pluriennale”, l’AAHO cerca di “promuovere la comprensione pubblica di come i social media e le scienze comportamentali possono essere sfruttati per migliorare la salute delle comunità in tutto il mondo”.

Diverse entità fanno anche parte dell’AAHO, tra cui la Banca Mondiale, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, la società farmaceutica Merck e la Fondazione CDC, quest’ultima indipendente dai Centers for Disease Control and Prevention.

Un comunicato stampa del giugno 2021 sull’alleanza affermava che Facebook e Merck hanno impegnato 20 milioni di dollari ciascuno per AAHO, che inizialmente dovrebbe affrontare “l’esitazione al vaccino e l’equità del vaccino” tra le comunità svantaggiate.

Diversi membri dello staff della Casa Bianca hanno ricevuto un’e-mail nel giugno 2021 sulla formazione dell’AAHO. Questi includono il consulente senior per la risposta al COVID-19 Becca Siegel e il direttore del Dipartimento della salute e dei servizi umani per il coinvolgimento digitale Tericka Lambert. Anche Georgeta Dragoiu, borsista per l’innovazione presidenziale della Casa Bianca, che è collegata alla Strategia per l’istruzione pubblica e alla campagna sui media del vaccino COVID-19 della Casa Bianca, ha ricevuto l’e-mail.

Non è chiaro come la Casa Bianca abbia risposto all’e-mail su AAHO. The Epoch Times ha inviato richieste alle entità coinvolte, come la società madre di Facebook Meta, l’ufficio stampa della Casa Bianca e i singoli destinatari. Tuttavia, non ha ricevuto risposte al momento della scrittura.

Il direttore delle comunicazioni della Fondazione CDC Amy Tolchinsky, nel frattempo, ha rilasciato una dichiarazione scritta sul suo coinvolgimento in AAHO. “Anche se non siamo coinvolti nelle sue operazioni, non abbiamo ricevuto alcun finanziamento per il nostro coinvolgimento o fornito alcun finanziamento, la nostra associazione con AAHO – che è stata annunciata pubblicamente nel giugno del 2021 – è un modo per educare il pubblico sulla sicurezza e l’efficacia dei vaccini per un pubblico più ampio”, ha affermato la sua dichiarazione.

AAHO denunciato come propaganda sponsorizzata dal governo

Diversi esperti, che sono stati censurati da Facebook per essersi rifiutati di aderire alla narrativa  dell’establishment medico, si sono espressi contro l’AAHO, dicendo a Epoch Times che è una copertura per sopprimere ciò che le autorità considerano disinformazione sui vaccini. Il critico del lockdown, il dottor Jay Bhattacharya, ha detto: “[È] difficile per me capire questo come qualcosa di diverso da una campagna di propaganda del governo”.

Il presidente della Front Line COVID-19 Critical Care Alliance, il dottor Pierre Kory, ha affermato che non esiste un “obiettivo di salute pubblica scientificamente supportato per far vaccinare le persone”. Secondo il medico, che promuove l’uso dell’ivermectina come trattamento per il COVID-19, crede che Facebook si sia potenzialmente collocato nel ruolo legale di “attore statale”. Kory ha aggiunto che promuovendo i vaccini e censurando le segnalazioni di reazioni gravi, la piattaforma dei social media potrebbe essere ritenuta responsabile per lesioni correlate al vaccino.

Leggi anche:

Nel frattempo, l’inventore della tecnologia del vaccino mRNA, il dottor Robert Malone, ha dichiarato: “Se Facebook vuole fare il dottore, allora deve adempiere agli obblighi professionali ed etici della professione”. Ciò include la divulgazione dei potenziali rischi dei vaccini COVID-19.

Ha aggiunto che l’AAHO “rappresenta una violazione diretta delle responsabilità etiche in medicina”, che include la rivelazione dei pericoli di eventuali trattamenti raccomandati e di eventuali opzioni terapeutiche alternative. Vittima della censura di Big Tech, Malone è stato bandito da Twitter dopo aver sollevato problemi di sicurezza in merito agli spari.

Aaron Siri, avvocato dell’Informed Consent Action Network, ha affermato che un’alleanza tripartita tra Big Government, Big Tech e Big Pharma è “per lo meno, [una] mastodontica campagna” per sopprimere i diritti di libertà di parola garantiti dal Primo Emendamento. Ha detto a Epoch Times : “Si crea un pericoloso precedente quando i social media portano il messaggio del governo mentre reprimono messaggi contrari a ciò che il governo sta cercando di promuovere”.

Capito quindi perché Facebook ti blocca l’account se osi parlare male del siero magico?

(Fonte: NaturalNews: COLLUSION: Facebook running vaccine campaign in collusion with health authorities, Big Pharma)

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

[Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia  Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di professionisti (insegnanti, economisti, medici, avvocati, ecc.) formatosi con l’unico intento di collaborare per la difesa della libertà di espressione (art. 21 della Costituzione Italiana e art. 11 della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea) e per la ricerca e condivisione della verità sui principali argomenti e fatti di rilevanza sia locale che globale]

 

Condividi:
1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.