LETTERA DI UNA nonna-MAMMA dedicata al nipote-FIGLIO, ed alla grande ma mortificata SICILIA – 6 SETTEMBRE 2021 d.c. -(AUDIO)

6 settembre 2021


Riceviamo, e con commozione pubblichiamo, la lettera aperta di una nonna al suo nipotino, cui si rivolge come ad un figlio, poiché tale lo sente…, e che al contempo dedica anche alla “grande ma mortificata” Sicilia, sua terra d’origine.  La data, 6 settembre 2021, giorno dell’entrata in vigore del Green Pass, non è stata scelta a caso…

Un invito per tutti a difendere il supremo bene della LIBERTÀ

Questo il testo dell’email inviataci:

Carissima dott.ssa Monica,

come se parlassi a mio figlio piccolo, ho scritto una lettera al piccolino di mia figlia,  un bambino speciale come tutti i bambini di ogni mamma italiana. Vorrei metterla in rete perchè la legga un domani quando la storia racconterà menzogne. Ma, prima, vorrei dedicarla all’amata Sicilia punita con il colore dell’infamia governativa che teme un popolo combattente che non si piega, qualunque sia la menzogna decantata da Sebastiano Musumeci che, al pari del governatore della mia regione, ha ceduto la sua dignità al sanguinario millantatore del Colle senza intaccare il coraggioso spirito di sopravvivenza del popolo siciliano. Permettimelo Monica, perchè domani non sappiamo se potremo ancora esser liberi di nominare la parola Libertà senza il rischio di essere arrestati o peggio.

Grazie cara, il mio cuore afflitto di cittadina e madre è vicino al tuo. E resto a disposizione per lottare al Vostro fianco perchè non è uno stretto o un decreto che mi possa separare da chi ha tanto sofferto su questa terra salata. Mio padre amava la Sicilia, un giorno te lo racconterò, spero presto, spero senza vincoli che decidano le sorti dei cittadini per un si o per un no.

Con tutta la stima e l’affetto fraterno,

Maria Antonietta Astro

Di seguito il testo della lettera:

AUDIO: CLICCA QUI per ascoltare e, se vuoi, scaricare.

Caro figlio mio, devo spiegarti qualcosa prima CHE GIUNGA NOTTE E LA PAURA DEL PEGGIO DEL GIORNO DOPO M’IMPEDISCA DI SCRIVERTI. O, prima che … Insomma, ricordi al cinema con papà quella volta che ci commuovemmo fino al pianto con tutta la platea per l’eroe che salvò il mondo intero svelando e sconfiggendo il sanguinario complotto e salvando tante vite umane? E ci sentimmo FIERI al posto dell’eroe! Felici al posto dei salvati.

Un lieto fine visto solo nei film ideati come messaggio universale di giustizia ed uguaglianza umana. Si proietta ben altro ora sui teleschermi, caro caro figlio mio. Ora si propaganda odio, violenza e terrorismo di virus potenti e assassini.

Ma non è un film, amore mio. È la vita reale quella che stiamo vivendo e subendo e che spero tu non NON POSSA RICORDARE piccolo come sei. Ma la verità devi saperla da me che ti ho partorito, non leggerla ti prego sui libri di scuola perché domani potresti trovare la scuola dei diktat per automi programmati e programmabili dove spero tu non entrerai mai. Sappi però che al momento vedo in Italia gli uni contro gli altri…come se non fosse la stessa lotta per difendere la LIBERTA’ DI TUTTI che scivola inerte e indifesa sotto la lacera bandiera rossa bianca e verde stuprata e torturata dopo essere stata innalzata FIERA E VITTORIOSA 76 anni fa sui campi di concentramento, sulle tombe con la terra ancora intrisa di sangue innocente e su lapidi (alcune ancora ignote) firmate dal coraggio di quanti hanno dato la vita per essa! L’unica vita che avevano, lasciando vedove le spose e orfani i figli, ma acquistando per essi e per tutti il sereno futuro libero da oppressori e dittatori il felice futuro finora vissuto e forse non apprezzato. Questa, fino a questo momento è stata anche la tua libertà, figlio caro, ed è costata il sacrificio della vita di chi per noi l’aveva conquistata!

Per questo oggi ti scrivo, figlio mio, perché sei in pericolo, e in pericolo di vita se io non saprò difenderti!

Comincio da oggi, 6 settembre 2021: l’epilogo amaro e indegno di un illecito e vergognoso decreto governativo di un governo in verità mai votato. Decreto del quale leggerai forse un domani in qualche umano tribunale, spero!

Oggi, volevo dirti appunto, dell’illegale e ricattatorio decreto illecitamente obbligatorio chiamato green pass e dell’obbligo vaccinale di un pericoloso e tossico farmaco ingegnerizzato che sta mietendo vittime tra i più giovani e posto come vaccino, anche se vaccino non è, ma una spietata e micidiale arma suicida imposta in tutti i settori di lavoro, e dunque a tutti i padri e le madri che lavorano. Ricorda bene, caro, un farmaco tecnologico OGM a mRNA.

Come nel ’38 le razziali leggi della Shoah precorsero i campi di sterminio, oggi questo decreto sarà legge, figlio mio. Una legge senza senso, né causa né urgenza sanitaria civile e civica rivelandosi invero UN INSULTO SPUTATO IMPUNEMENTE DAI NUOVI OPPRESSORI SULLE TOMBE DEI CIRCA 68 MILIONI DI CADUTI PER LA LIBERTA’ NELLA SECONDA GUERRA MONDIALE!

Un vile ricatto esteso dunque alle famiglie di onesti e coscienziosi cittadini italiani i cui figli moriranno di fame perché i loro genitori, in Scienza e Coscienza, hanno scelto di esser licenziati piuttosto che diventare schiavi !

Eppure, per questi eroi nessun cenno di commozione fraterna, di grato sostegno, di fierezza di popolo, come nei film, figlio caro.

E mi duole dirtelo figlio mio, ma il popolo italiano, una buona parte dei cittadini italiani condizionati ad arte da divulgazioni falsamente salvifiche, invece di prendersi per mano e stringersi INSIEME nella lotta, pur con scelte e opinioni diverse ma INSIEME per una libertà che sarà difficile, molto difficile da riconquistare, una volta ceduta…, questi fratelli manipolati e ingannati, figlio caro, preferiscono accusare il fratello disobbediente e obiettore di coscienza piuttosto che combattere il tiranno, il malvagio, il vero UNTORE!
Figlio mio, di questo orribile capitolo umano ti resti però una verità assoluta:
• NON PERMETTERE MAI A NESSUNO DI OBBLIGARTI A FARE O A PROFERIR PAROLA CHE LEDA LA VOLONTA’ DELLA TUA COSCIENZA O DELLA COSCIENZA E DELLA DIGNITA’ DI TUTTA L’UMANITA’ !
FIGLIO MIO, NON CEDERE MAI AL RICATTO PERCHE’ DIVENTERESTI DEBOLE!
• NON PERMETTERE A NESSUNO DI PENSARE AL POSTO TUO PERCHÉ CEDERESTI I TUOI TALENTI!
• NON BARATTARE MAI IL TUO NOME E COGNOME CON UN NUMERO O UN COLORE PERCHÉ TI VERGOGNERESTI DI TE STESSO.

Inestimabile tesoro mio frutto d’amore, la libertà non è un numeroma ha il tuo sangue per colore, il tuo DNA nel suo dogma e il tuo nome e cognome nelle sue stimmate.
Per questo, figlio caro, la Libertà è tua!
Nessuno può togliertela perché ti possiede e la possiedi.
Non dimenticarlo mai figlio mio. Che sia la tua Legge, la Legge di tutti gli uomini senza alcuna distinzione separazione e discriminazione! In perfetta Uguaglianza e Fratellanza!

Ti ho difeso finora come ho potuto, ma tu figlio mio saprai compiere ciò che non è stato compiuto e sanare ciò che è stato infettato dalla violenta arroganza della sopraffazione di un potere malato.

Ho fiducia in te, figlio mio! Tu abbi fiducia in te stesso e siì certo che non venderai mai la tua anima per 30 sporchi denari finché resti libero e fiero di essere fratello di milioni di uomini liberi e fieri e di altri che saranno stati uccisi, ma mai vinti. Il malvagio, infatti, potrà uccidere un uomo, ma non potrà mai vincere la sua libertà, né possederla perché ancorata a una dignità che il malvagio ha ceduto a qualcosa o qualcuno che non esiste. Potranno uccidere, I MALVAGI, ma restano perdenti, senza futuro e senza vita perché senza anima la Coscienza! Di costoro resterà nella storia solo l’infamia e il grave disonore che ricadrà su figli e discendenti che farebbero volentieri a meno di ogni odierna ricchezza all’uopo ottenuta dai loro padri pur di non portare il peso di tali errori e orrori umani!

Addio figlio caro, che io possa vederti con l’umanità liberata in un mondo migliore!
Che io possa saperti forte della Fortezza dei giusti. E sarai invincibile figlio mio, quando renderai giustizia agli eroi dimenticati e ai nuovi coraggiosi uomini e donne che oggi lottano affinché tu e i loro figli possano ottenere giustizia di questo insulso immane nuovo olocausto.
Ti abbraccio come mai ti ho abbracciato per benedire ogni passo e ogni azione sul sentiero della liberazione. Porterò con me di te l’affettuoso saluto di tutti gli italiani al Prof. Giuseppe De DonnoE il tuo sguardo innocente che guarda frastornato e impaurito in su allo stivale come a un camino incendiato dal quale si solleva un nero fumo in su la grande cupola vaticana. E un poco di quella tristezza tua mi porterò via, cuore mio, per offrirla al Dio di ogni Tempo e di ogni Luogo sull’altare della Suprema e Ultima Giustizia.

La tua mamma

<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<
Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia  Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di medici ed avvocati, formatosi con l’unico intento di collaborare per la ricerca e condivisione della Verità sui principali fatti di rilevanza sia nazionale, che europea, che mondiale

Testo e audio anche qui👇
https://www.mercurius5.it/2021/09/06/la-struggente-e-emozionante-lettera-di-una-nonna-mamma-al-nipote-figlio-e-alla-grande-e-mortificata-sicilia/

Link su YouTube: ⤵️

Condividi:
3 commenti
  1. v9bet
    v9bet dice:

    Good site you have got here.. It’s hard to find excellent writing like yours these days.
    I really appreciate individuals like you! Take care!!

    my web blog: v9bet

I commenti sono chiusi.