Manifesti di “resistenza” nel quartiere​ San Berillo a Catania, sgomberato e criminalizzato. Parla Vasta di ASIA USB

27 maggio 2022 – Redazione

Manifesti che promettono “Ci stiamo organizzando” scuotono il quartiere di San Berillo, uno dei quartieri europei più “visitati” dalle forze di polizia, da tutte, nessuna esclusa, con sgomberi, spesso violenti, di migranti e povera gente che non si sa dove abitano adesso.

Una delle tante operazioni della polizia a San Berillo

“Stamattina – ci racconta il giornalista Orazio Vasta, responsabile provinciale di ASIA USB Catania – nella stessa giornata in cui “Trame Di Quartiere Società Cooperativa Sociale di Comunità” lancia l’iniziativa della lettura collettiva di “Insegnare a trasgredire” della scrittrice femminista nera bell hooks (nominativo scritto minuscolo perché la scrittrice scrive così il suo nome e cognome) che “elogia il margine” come spazio di resistenza invitando a lottare non “per” ma “con” i soggetti oppressi – nelle strade di San Berillo, proprio di fronte alla sede di Trame di Quartiere, sono apparsi sui muri dei manifesti con contenuti​ che citano la scrittrice e sotto dei commenti di denuncia sia all’iniziativa in sé fatta da “uomini bianchi” che “parlano di sessismo e razzismo nelle loro stanze”, sia ai processi di rigenerazione urbana in atto nel quartiere “fatta a suon di aperitivi e djset, senza avere cura di chi abita un posto”, come recita uno dei manifesti”.

“La denuncia – continua Vasta – sembra investire anche chi dà vita a progetti sociali, tant’è che un altro manifesto, facendo riferimento alle parole della scrittrice che parla del focolare domestico e della casa come il luogo per «costruire una vera comunità di resistenza» sostiene che “il focolare non è il socialhousing. L’umanità non è ospitare associazioni umanitarie. La solidarietà non è fare crowdfunding. L’ospitalità non è farti entrare solo se hai un contratto”.

“Chi ha realizzato i manifesti – evidenzia il sindacalista di ASIA USB – si chiede “che fine hanno fatto le persone che vivevano qua dentro? Dove finiranno le persone che vivono qua fuori?” e sembrano dichiarare volontà programmatiche: “Avete sgomberato una volta, non riuscirete a svuotare il quartiere”.
“San Berillo – conclude Orazio Vasta – non è domo, non ha smesso di r/esistere e ad essere coinvolti a Catania saranno in tante e in tanti, è solo questione di tempo”.

Condividi:
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.