MARCIA INDIETRO DELL’UE, DOPO LA PUBBLICAZIONE DELIRANTE CONTRO IL NATALE E ALTRE LINEE GUIDA CONTRO LA CRISTIANITA’

30 Novembre 2021 – Redazione Co.Te.Li –

L’ UNIONE EUROPEA SEMBRA AVER FATTO MARCIA INDIETRO ALL’INDOMANI DELLA PUBBLICAZIONE DI UN DOCUMENTO, IN CUI VENIVANO DETTATE LE LINEE GUIDA CONTRO IL NATALE E LA TRADIZIONE CATTOLICA DELLA VECCHIA EUROPA. NON CREDIAMO, CERTO, AD UN SUO RIPENSAMENTO QUANTO, PIUTTOSTO, AD UN PASSO INDIETRO MOMENTANEO, DOVUTO ALLA PAURA DI ACCENDERE NUOVE MICCE, OLTRE IL DISSENSO DILAGANTE CHE STA ESPANDENDOSI A MACCHIA D’ OLIO PER LE TROPPE RESTRIZIONI.

La Natività

Il documento sulle linee guida aveva lo scopo di illustrare la diversità della cultura europea e di mostrare la natura inclusiva della Commissione. Tuttavia, la versione pubblicata non è stata ritenuta funzionale a questo scopo. Lo ha dichiarato il commissario Ue all’Uguaglianza Helena Dalli. “Non è un documento maturo e non va incontro ai nostri standard qualitativi. Quindi lo ritiro e lavoreremo ancora su questo documento“, ha aggiunto.

Linee guida contro il Natale

Le linee guida sul linguaggio avevano provocato critiche e un’alzata di scudi da più parti perché sconsigliano l’uso di una serie di espressioni consuete, compreso “Buon Natale”.

“La mia iniziativa di elaborare linee guida come documento interno per la comunicazione da parte del personale della Commissione nei loro compiti – ha scritto ancora il commissario Dalli – aveva lo scopo di raggiungere un obiettivo importante: illustrare la diversità della cultura europea e mostrare la natura inclusiva della Commissione europea verso tutti i ceti sociali e le credenze dei cittadini europei. Tuttavia, la versione delle linee guida pubblicata non serve adeguatamente a questo scopo”.

Cardinale Parolin: “Non si combattono così le discriminazioni”

Cardinale Pietro Parolin

Chi va contro la realtà si mette in serio pericolo”. E’ stato questo il commento del Segretario di Stato della Santa Sede, cardinale Pietro Parolin, in merito al documento della Commissione europea che invitava a non usare parole e nomi come Natale, Maria o Giovanni. “Questa non è certamente la strada” per combattere le discriminazioni.

E se e’ intervenuto in Parolin, figura vicinissima a Bergoglio ( notoriamente favorevole a questa dittatura europea) vuol dire che il guaio era proprio grosso

______________________

[Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia  Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di medici ed avvocati, formatosi con l’unico intento di collaborare per la ricerca e condivisione della Verità sui principali fatti di rilevanza sia nazionale, che europea, che mondiale]

Puoi leggere anche su Mercurius5 ⤵️

CLICCA SUL LINK👇👇👇👇👇 MARCIA INDIETRO DELL’UE, DOPO LA PUBBLICAZIONE DELIRANTE CONTRO IL NATALE E ALTRE LINEE GUIDA CONTRO LA CRISTIANITA’. L’INTERVENTO DEL CARDINALE PAROLIN👇👇👇👇👇

Condividi: