MILANO: AD AGOSTO PERSERO LA CASA IN UN INCENDIO, MA DEVONO PAGARE L’IMU

18 Dicembre 2021 – Redazione Co.Te.Li

Una beffa terribile, un’ingiustizia nell’ingiustizia che ha colpito 80 famiglie residenti a Milano, quelle che, il 29 agosto 2021, hanno perso la casa in un incendio le cui cause sono ancora tutte da chiarire, e sulle quali sta indagando la Procura. Ma, beffa tra le beffe, sono state costrette a pagare l’IMU su quegli stessi immobili andati al rogo!

 

E perché il pagamento di una tassa che compete solo alle seconde case? Il Comune di Milano, a questa domanda, ha risposto con senso cinico e criminale, dicendo che, essendo gli appartamenti classificati come prima casa ma non agibili per l’accaduto, e quindi non fruibili dai proprietari, l’unica agevolazione possibile da applicare, è stata lo sconto del 50% sul totale, della tassa di una seconda casa! Una richiesta da far rabbrividire…altro che agevolazione!

Con il risultato, grottesco e paradossale, che le famiglie che non pagavano l’Imu in passato in quanto vivevano nella casa in cui erano residenti, ora, dopo l’incendio, dovranno invece mettere mano al portafogli. Una vera e propria follia.

La delucidazione è arrivata dal Comune di Milano, che ha spiegato come “l’attuale normativa IMU” stabilisce per i fabbricati inagibili la riduzione della base imponibile del 50%, limitatamente al periodo dell’anno durante il quale sussiste la condizione. Questo anche per gli immobili che costituivano abitazione principale del soggetto, prima dell’evento.

L’incendio, comportando l’inagibilità dell’immobile, ha fatto venir meno il requisito della dimora previsto dalla norma. Pertanto, per l’anno 2021, a partire dalla data dell’evento, in assenza di specifici interventi normativi statali, il tributo è dovuto nella misura ridotta del 50%”.

Il Comune ha precisato che la situazione dovrebbe sanarsi per il 2022. Nel 2021, invece, la situazione è questa, assurda. Rabbiosa la reazione dei condomini, guidati da Mirko Berti:⤵️

Abbiamo chiesto di poter utilizzare gli appartamenti destinate al social housing per un anno almeno, fino a che il grattacielo non verrà ripristinato, ma l’amministrazione comunale ci ha detto di no perché non abbiamo i requisiti di reddito. Poi abbiamo visto la dichiarazione della giunta sui sostegni economici che sarebbero stati stanziati per aiutarci a pagare momentaneamente l’affitto, ma al momento non abbiamo ancora ricevuto nulla. Per ora ringraziamo solo l’assicurazione privata che ci sta sostenendo, e le banche che ci hanno sospeso il mutuo”. Nel frattempo, però, è arrivata l’Imu da pagare.

Fonti: ➡️https://amp24.ilsole24ore.com/pagina/AEdDdG3

➡️https://www.ilgiorno.it/milano/cronaca/ora-la-casa-e-inagibile-e-devono-pagare-limu-1.7157440/amp

______________________

[Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia  Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di professionisti (insegnanti, economisti, medici, avvocati, ecc.) formatosi con l’unico intento di collaborare per la difesa della libertà di espressione (art. 21 della Costituzione Italiana e art. 11 della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea) e per la ricerca e condivisione della verità sui principali argomenti e fatti di rilevanza sia locale che globale]

Puoi leggere anche su Mercurius5 ⤵️

CLICCA SUL LINK👇👇👇👇👇 MILANO: AD AGOSTO PERSERO LA CASA IN UN INCENDIO, MA IL COMUNE AVANZA PRETESE. LEGGETE CHE COSA HA CHIESTO AI PROPRIETARI! LE MALEFATTE OLTRE IL COVID!!!👇👇👇👇👇

Condividi: