SICILIA, ASSOLTO R. LOMBARDO – Raffaele Panebianco : “C’è una sorta di filo rosso che accomuna chi lotta per l’Autonomia Siciliana…”

10 gennaio 2022 – di Raffaele Panebianco

“Dopo “solo” 12 anni viene assolto il già Presidente della Regione Siciliana Raffaele Lombardo. Una giustizia lenta che ha visto venire giù un castello di carte e di accuse che hanno messo a dura prova uno dei politici siciliani più impegnati a fare rispettare lo Statuto, a ridare dignità alla nostra terra e al nostro popolo, ad avere la massima attenzione nel recuperare il gap in ogni settore.

C’è una sorta di filo rosso che accomuna chi lotta per l’Autonomia Siciliana. I Siciliani non devono alzare la testa più di tanto, non devono essere in grado di intraprendere, di svilupparsi nei vari settori, di avere le giuste e necessarie infrastrutture e servizi.

Ecco perché esortiamo i Siciliani perbene a svegliarsi dal torpore e ritrovare lo spirito dei Vespri contro la “malasignoria” e dare un grande e forte consenso ai partiti autentici siciliani con una nuova classe dirigente ben formata e consapevole delle grandi opportunità che ci darebbe lo Statuto Siciliano se fosse applicato.

Noi vogliamo lavorare tutti  insieme affinché non si tarpino  più le ali a chi ama la Sicilia e vuole il suo sviluppo e benessere con il buon governo e la buona amministrazione.

Questa assoluzione ridà dignità al Presidente Raffaele Lombardo, nonostante 12 anni “rubati” all’azione politica autonomista e ridà slancio ai tantissimi Siciliani perbene che parteciparono attivamente a quella iniziativa.

Auguri e “bentornato” Presidente! C’è bisogno della sua esperienza, dei suoi consigli e della sua autorevolezza per arrivare ad una compiuta Autonomia Siciliana e, perché no…, all’Autodeterminazione della Sicilia.”
(Raffaele Panebianco)

Vedi anche:

Condividi: